Narada Press
>agenzia di comunicazione, radio, fiere, promozione ed informazione  aziendale e fieristica

OTTAVA EDIZIONE DI PROGETTO FUOCO. LA BIENNALE TORNA A VERONA DAL 22 AL 26 FEBBRAIO.

logo_pfProgetto Fuoco 2012 sancirà la definitiva conferma dello sviluppo del mercato del riscaldamento che come combustibile utilizza il legno e i suoi derivati, con le biomasse protagoniste nel campo delle energie rinnovabili. Il trend positivo si rafforza spinto da fattori d’ordine economico ed ecologico, ma gioca un ruolo importante anche la componente emozionale. Stufe e camini oltre ad una forte e innovativa componente tecnologica, oggi tornano a proporsi come elemento d’arredo centrale, il famoso “focolare cuore della casa”, utile, funzionale e ora anche di grande impatto estetico.
I caminetti interpretati in forme inusuali, utilizzano materiali antichi in accostamenti inconsueti: pietra, vetro, acciaio mentre il cuore tecnologico ed ecologico delle macchine, vive all’interno di involucri spesso reinventati in forme geometriche tanto rigorose quanto originali. Stufe e caminetti di nuova generazione sono un elemento d’arredo ormai di moda soprattutto perché, sia quelli classici a legna sia quelli più recenti che utilizzano i pellet, sono disponibili in un’amplissima gamma. Chiunque potrà avere il massimo del comfort rispettando i parametri più rigorosi di efficienza energetica coniugati a un design che offre linee e materiali in
grado di soddisfare qualsiasi esigenza d’arredo.
Tutto ciò e molto di più sarà in mostra a Progetto Fuoco dal 22 al 26 febbraio 2012 nei padiglioni della Fiera di Verona; la manifestazione rappresenta l’unico Salone in Europa dedicato agli impianti, ai prodotti ed alle attrezzature per la combustione a legna. L’edizione 2012 ha già registrato un consistente incremento delle adesioni da parte degli espositori europei e proporrà prodotti provenienti da venti Paesi diversi.
Progetto Fuoco parlerà tutti i linguaggi delle diverse componenti del settore e sarà come sempre incentrata sia sulle novità tecnologiche, tanto attese dal mercato, sia sul design abbinato alla ricerca della massima funzionalità. Giunta all’ottava edizione la manifestazione si svilupperà su cinque padiglioni anziché quattro, per una superficie espositiva totale di circa 72.000 metri quadrati. La maggior superficie occupata dalla
biennale che aprirà i battenti il prossimo febbraio (+15% rispetto alle edizioni precedenti) verrà utilizzata ampliando a quattro il numero dei padiglioni dotati di impianti estrazione fumi per mettere in funzione molti più prodotti rispetto al passato. Un nuovo, quinto padiglione è dedicato a PF-TECHNOLOGIE, con le caldaie per impianti di grandi dimensioni e le tecnologie per la preparazione del combustibile: pellet, cippato e legna. In questo scenario si prevede un sensibile incremento del numero di presenze di impianti certificati secondo le più restrittive norme europee e di biomasse legnose controllate (rispondenti cioè ai parametri di sicurezza ambientale). Del resto il rispetto dei parametri internazionali è diventato imprescindibile, come preciseranno convegni e incontri tecnici programmati.
A tale proposito Progetto Fuoco si è sempre posta come obiettivo, con la collaborazione del Dipartimento T.e.s.a.f. – Università di Padova e di AIEL – Associazione Italiana Energie Agroforestali, lo sviluppo e la diffusione della ricerca applicata sottolineando risultati e prospettive di un uso ottimale del combustibile legno.
AIEL organizzerà una serie di conferenze e workshop sui temi dell’approvvigionamento delle biomasse da filiera corta, sulle emissioni degli apparecchi domestici e le caldaie, sul nuovo quadro degli incentivi per la termica da biomasse.

Tutto il programma dei convegni e workshop è disponibile al sito ufficiale della manifestazione www.progettofuoco.com.

La Narada Press Communication è Media Partner dell’evento.


.