Narada Press
>agenzia di comunicazione, radio, fiere, promozione ed informazione  aziendale e fieristica

Presentazione

Verona – dal 25/05/2007 al 27/05/2007 38° EDIZIONE DEL VERONA MINERAL SHOW: LE MERAVIGLIE DELLA TERRA IN MOSTRA PER TRE GIORNI CON INGRESSO GRATUITO.
E’ l’evento più importante a livello nazionale per quanto riguarda i settori di Minerali, Fossili, Conchiglie, Pietre Preziose e Gemme, anche se la maggior parte delle attenzioni sono proprio per queste ultime. Pietre e gemme di ogni tipo, forma e colore, provenienti da tutto il mondo, selezionate appositamente per questa manifestazione consolidata e che ogni anno richiama oltre 30.000 visitatori. Pietre energetiche, sali dell’Himalaya, coralli, lampade di sale; ed ancora oggettistica in corniola, obelischi in quarzo e in malachite, collane di acquamarina e di Swarosky, sfere di ossidiana, ambra colombiana vecchia di 25 milioni di anni (la più vecchia in assoluto è quella proveniente da Santo Domingo, con riflessi blu). Per gli amanti delle piante la ricercata pianta della Resurrezione, famosa perchè non muore mai: cresce nei terreni sabbiosi e forma una sorta di cuscinetto che, con la siccità, si chiude a palla. Si addormenta per un periodo che può durare 40-50 anni ma, messa a contatto con l’acqua, diventa verde, torna vivere e riprende le sue funzioni. Molte le curiosità: una vasca da bagno in malachite del valore inestimabile, una geode di ametista di 200 kg, una drusa di quarzo di 170 kg, un tronco di legno di oltre 600 kg all’interno del quale si sono formati dei cristalli in agata. Per i più esigenti vere e proprie chicche da collezione: campioni di fluorite dalle forme particolari e per questo molto pregiate, cristalli di acquamarina della Cina, cristalli di tormalina del Pakistan, la purissima ambra blu di Santo Domingo. La donna cambia accessori e si trasforma da femme fatale in donna estremamente sexy con un pizzico di simpatia, gioca con personaggi tipo Betty Boop, oppure della Walt Disney; ama mettere in mostra cristalli e pietre che la rappresentino, che ne svelino in qualche modo la personalità. I bambini sono attirati da insetti veri seccati e provenienti dai paesi più lontani: la cavalletta della Malesia, la Mantide religiosa, l’insetto stecco, l’insetto foglia, ragni, tarantole e scorpioni. Una compagnia aerea thailandese mette a disposizione viaggi, o meglio, tour gemmologici, organizzati per visitare le miniere di zaffiri, rubini, diamanti e lapislazzuli. Collezioni di minatori esposte con, in primo piano, rarità di oltre 7.000 anni provenienti da miniere ormai chiuse. Da tutto ciò si evince quanto sia grande e quanto di meglio possa offrire quella che è la più grande fiera italiana, con oltre 400 espositori su 20.000 mq, in rappresentanza di oltre 30 nazioni. Importante far fare un’analisi gemmologica dei propri gioielli, perchè si sta assistendo ad una verae propria ascesa della tecnologia in campo di pietre sintetiche e spesso nemmeno il venditore, senza l’opportuna attrezzatura, sa riconoscere un vero da un perfetto falso; proprio per questo è presente l’Istituto Gemmologico Italiano che, insieme all’Università di Urbino, l’Istituto Tecnico Minerario di Agordo, il laboratorio di analisi della Camera di Commercio di Milano (CISGEM), mette a disposizione la propria attività di consulenza gratuita. Mini convegni affronteranno varie tematiche sia di approfondimento tecnico che puramente illustrativo, senza trascurare una parte dedicata all’arte, ovvero l’utilizzo dei minerali nella pittura: quadri famosi di Leonardo, Giorgione e Raffaello dipinti con l’impiego di lapislazzuli, azzurrite ed orpimento. Un appuntamento per allargare i nostri orizzonti culturali e per conoscere sempre più a fondo e da vicino la nostra terra, dispensatrice di grandi emozioni e meritevole sempre di più rispetto. Fiera di Verona, dal 25 al 27 maggio, ingresso gratuito, orario dalle 09.00 alle 18.00. Info: www.veronamineralshow.it


.