Narada Press
>agenzia di comunicazione, radio, fiere, promozione ed informazione  aziendale e fieristica

Verona Mineral Show: benessere con i minerali naturali, pietre preziose da tutto il mondo. Ambra blu, zaffire, rubini, diamanti, giada burma, giada della birmania, ametiste, quarzi. Artigianato e rega

Dal 30 novembre al 2 dicembre ritorna per la 39° volta in Fiera a Verona l’appuntamento con minerali, pietre preziose, fossili, conchiglie, bigiotteria e articoli da regalo.

Per essere sicuri del proprio acquisto si potrà far valutare la propria gemma presso lo stand dell’Istituto Gemmologico Italiano che, oltre ad offrire strumenti di alta qualità e rispondere alle più variegate esigenze professionali ed amatoriali, tutela il consumatore nel verificare che quanto acquistato corrisponda a ciò che viene dichiarato.

Ciò presuppone un’attività tecnico-scientifica finalizzata ad una caratterizzazione sempre più precisa della natura della gemma e con strumenti sempre più sofisticati.

Negli ultimi anni si è assistito ad un declino dell’ambra, a causa delle numerose imitazioni in resina sintetica o, addirittura, plastica, che ottengono solo il risultato di scoraggiare l’acquirente.

Per il settore mineralogico si delineano situazioni in continua evoluzione, con scoperte e novità da tutto il mondo: Madagascar, Thailandia, Caraibi, Messico, Cina e Giappone.

Per gli amanti del benessere c’è un’ampia scelta in fatto di minerali naturali che trasmettono particolari energie e sensazioni: l’ematite dell’Isola d’Elba, ad esempio, la cui parola chiave è “vitalità”, era già impiegata a fini terapeutici nell’antico Egitto ed in Babilonia per stimolare la produzione del sangue e per accelerarne la coagulazione. Veniva usata anche nel Medioevo nello stesso modo e, per questo, ricevette il nome di “Pietra del sangue”.

Se il minerale è stato polarizzato (magnetizzato) è sempre meglio ricordare di tenerlo lontano da carte di credito e bancomat.

Da ricerche effettuate in Germania è risultato che un ambiente, per essere salutare, deve contenere una quantità di 1000/1500 ioni negativi per metro cubo; in ambienti chiusi con televisori, computer, telefonini, aria condizionata e altra tecnologia, questi diminuiscono fino a 300/350 per metro cubo.

Questo squilibrio può essere causa di mal di testa, cali di energia e senso di stanchezza.

Al Verona Mineral Show si possono trovare le lampade in cristallo di sale dell’Himalaya, diverse da quelle della Polonia e della Germania, che fungono da ionizzanti naturali, combinano il potere di stimolare la salute con la gradevolezza estetica del colore; infatti, la cromoterapia insegna che l’arancione è rilassante, ha un effetto benefico a livello emozionale e spirituale e in più stimola la creatività e la gioia di vivere.

Altro minerale naturale presente in fiera è il cristallo del Mar Morto: è eccellente come lenitivo, tonificante, igienizzante, viene usato per pediluvi e contro gli inestetismi della cellulite. Si consuma solo quando è bagnato, quindi per farlo durare di più bisogna asciugarlo. Bisogna inoltre fare attenzione a non far cadere gocce su superfici di marmo o altro materiale, perchè macchia.

Ad attirare l’attenzione di tutti però sono sempre le pietre, preziose e meno preziose ma sempre affascinanti: Ambre provenienti da tutto il mondo, la Pietra larimar di Santo Domingo, la Giada della Birmania, la Giada Burma, Ametiste, Quarzi, Diamanti e molto altro.

La caratteristica di questa fiera è che ogni anno è in grado di proporre regali di pregio, inusuali, con un artigianato che è sempre preferibile alle ormai produzioni industriali e scontate.

Viliana Trombetta


.